top of page

IPERTROFIA NEL CROSSFIT

É importante allenare l’ipertrofia nel Crossfit®?





La risposta non è così semplice, dipende da cosa si intende e di quale tipo di ipertrofia stiamo parlando.


1. La prima cosa da fare è analizzare il modello sportivo, sappiamo che nel CF non abbiamo categorie di peso e che viene richiesto un equilibrio a livello di performance tra tutti i domini.

2. La seconda cosa da fare è raccogliere qualche dato in merito agli atleti d’elite, quindi i Crossfit® Games Athletes.



MAN

  • Altezza media - 184cm

  • Peso medio - 94kg

  • Atleta più pesante - 103kg

  • Atleta più leggero - 82kg

  • Atleta più alto - 190cm

  • Atleta più basso - 163cm


WOMAN

  • Altezza media - 169cm

  • Peso medio - 68kg

  • Atleta più pesante - 75kg

  • Atleta più leggero - 60kg

  • Atleta più alto - 174cm

  • Atleta più basso - 155cm


Ora facciamo chiarezza su cosa intendiamo per ipertrofia:

  • IPERTROFIA SARCOPLASMATICA: parliamo semplicemente di aumento della sezione traversa del muscolo data da stimoli come quelli del Body Building 💪🏼

  • IPERTROFIA MIOFIBRILLARE: qui invece abbiamo come adattamento l’aumento delle unità contrattili del muscolo e quindi il miglioramento della sua capacità di contrazione che si traduce in forza, velocità e potenza ⚡️


È chiaro che per ottenere adattamenti differenti vanno somministrati stimoli diversi, quindi è necessario manipolare le variabili d’allenamento (serie, ripetizioni, volume, densità, recupero) 📈


Per concludere rispondendo alla domanda iniziale, premesso che in quasi tutti gli sport si dà la priorità alla capacità contrattile, la risposta è dipende da chi mi trovo di fronte.

Se un atleta è “sottopeso” per la categoria lavorerà su entrambi i tipi di ipertrofia, se invece è “sovrappeso” dovrà dedicarsi esclusivamente all’incremento della capacità contrattile.


PS: parliamo ovviamente di atleti con un IMC da definirsi tali!

79 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page